L’opera d’arte fino alla realtà virtuale

Il corpo, la fissità e il sospeso dell’opera fino alla realtà virtuale. E’ una presunzione tutta degli artisti quella di pensare di vivere spazi autonomi, diversi ed esclusivi, eppure tutti gli uomini vivono spazi e realtà talmente differenti da essere saldamente sovrapposti uno all’altro in un’unica, densa realtà condivisa. Questa stratificazione della realtà su piani… Continue reading L’opera d’arte fino alla realtà virtuale

Pittura in Tilt brush: E’ Realtà Virtuale

Kairòs… il tempo di mezzo. La fisicitá ha tempi piú lunghi rispetto a quelli della mente. Il tempo mentale è più veloce e chiaramente “immateriale” rispetto al movimento fisico, che viene invece registrato dal cervello come un evento preciso nel tempo e nello spazio. Il tempo del pensiero non ha misurazione. Eppure, anche se nella… Continue reading Pittura in Tilt brush: E’ Realtà Virtuale

Non ricordo da quando

Non ricordo da quando, riconosco gli artisti guardando una singola pennellata, tono, struttura, tumulto. Da sempre infallibile, pronuncio il nome dell’autore istantaneamente. Ugualmente, chissà quanti riconoscono i musicisti in un passaggio di poche note e pause. Così come sarà penso, per tutti quelli che nel lavoro degli uomini scoprono un’essenza irripetibile. Questo è ciò di… Continue reading Non ricordo da quando

Statement

Io sono un produttore di segni, agitatore della materia. Le chiacchiere degli uomini non mi interessano. Mi interessa la solitudine dell’artista che crea e codifica i suoi sensi rivolto al mistero dell’esistenza.  Mi interessa chi è interessato a guardare la vita attraverso le opere. C’é ansia ovunque di essere artisti. Riconosciuti. Svincolatevi dal peso dell’obbligo… Continue reading Statement