Menu
menu

“Nuovo qui non è il fatto che esistano cose di cui non possiamo formare un’immagine – «cose» del genere si sono sempre conosciute, fra le quali per esempio, l’«anima», ma che le cose materiali che vediamo e rappresentiamo, e sulle quali avevamo misurato le cose immateriali non traducibili in immagini debbano a loro volta essere «inimmaginabili». Con la scomparsa del mondo sensibilmente dato, scompare anche il mondo trascendente, e con esso la possibilità di trascendere il mondo materiale in concetti e pensieri. Non è quindi sorprendente che il nuovo universo sia non solo «praticamente inaccessibile» ma «nemmeno pensabile».” H.Arendt

Questi appunti di Hannah Arendt ritrovati nel testo di Claudine Haroche del libro “Farsi vedere” (ed. Giunti 2011), ben chiariscono la direzione dei miei lavori confluiti nella mostra Zeitgeist del 2010. L’ingiunzione alla visibilità continua di cui siamo tutti vittime e carnefici allo stesso tempo, apre le mie opere del 2010. La smaterializzazione di un immaginario possibile nei miei paesaggi, figure fatte veline, cortine su una realtà sempre più vuota di contenuti è proprio l’avvenuta caduta di ogni desiderio. Le parole della Arendt sono chiare, ma decadono quando l’arte adopera in base alla propria “ontogenesi” una leva proprio su tutto questo, spinge venti, scardina porte apparentemente inaccessibili per soglie impraticabili. L’incomunicabilità tra le genti paradossalmente proprio nell’era basata sulla “comunicazione”, è oggi sempre più evidente quando si adopera lo scambio come fine e non quale mezzo di una tutt’altra sostanza, di tutt’altri mondi desiderati. L’arte rimane la rappresentazione tangibile del desiderio in assoluto, il desiderio la sua principale linfa vitale.Qui il problema si fa serio non tanto per la legittimità dei desideri, ma per l’ostinazione che ne trascura l’impraticabilità e l’inattuabilità nel proprio quotidiano, ma é proprio qui che l’arte agisce con le sue urgenze.

Archivio opere

Leave a reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close