Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Menu
menu

Tesoro sono io, non mi riconosci?

 

Il progetto coliche serali ha un grande merito antropo-sociologico, quello di sottolineare se non rilevare, quanto oggi più che in altra epoca appaia sempre più grottesca e svelata quella finzione, mascheratura che l’essere umano, quale attore sociale adotta e ha sempre adottato nel suo quotidiano. Ecco che una colica appare quale pensiero ultimo, meta, cul-de-sac, situazione inestricabile raggiunta in momenti scanditi da chi non riesce più a non ammettere che la motivazione emozionale e sociale non porta da nessun’altra parte che non sia quel recondito e inaccettabile desiderio di mimare i propri desideri, al di là di ogni propria leggittima attuazione e tangibile sostanza. Non rimane più nessun sillogismo verificabile delle azioni se non un unico immenso luogo condiviso dove tutto è possibile e praticabile. Questa strada intrapresa la dobbiamo molto probabilmente alla leva che i social network hanno attuato definitivamente sul nostro immaginario.

L’idea romantica che un sentimento porti in sé almeno la volontà di un appagamento delle proprie necessità, sempre illusorie invece psicanaliticamente parlando, non è più applicabile ai giorni nostri, anni in cui il disvelamento in atto di ogni finzione diventa plateale. Dobbiamo forse tralasciare ogni idea di io e dei suoi limiti invalicabili, per riapprodare ad un soggetto fuori da sé e umanisticamente parlando reinterpretativo di un delirio sociale?
La realtà si palesa sempre più spesso quale delirio in actum, dopo la fine di ogni professionalità e il trionfo del fai-da-te degli anni 80, dopo l’illusione di una società fluida dei 90 probabilmente, assistiamo oggi ad una ripresa corposa di quella dionisiaca tragedia mundi hic et nunc che agisce sempre più nelle nostre molteplici realtà contemporanee dove tutto è veramente possibile e soprattutto lecito, ma non per questo, meno rappresentativo del lato più ridicolo dell’essere umano e dove l’imperativo oramai è: sopravvivere a se stessi a qualsiasi costo.

Un ringraziamento speciale agli ideatori di coliche serali, Palommo VII e U.Spencer.

Visita il sito: colicheserali.tumblr.com/

Nel 2015 Coliche serali continua su instagram.com/colicheserali/

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close